Camping
it en fr nl de dk es pl cz Camping

Toscana

Campeggi.com >> Campeggi Toscana


Campeggio
Baia dei Gabbiani

Gitav

Visualizza campeggi:

Visualizza elenco
  ZONE TURISTICHE CONSIGLIATE
> Maremma > Isola d'Elba
> Argentario > Città d'arte in Toscana
> Versilia

Camping Isola d'Elba


L’Isola d’Elba, la più grande dell’Arcipelago Toscano, si trova a circa 10 km di distanza dal continente, ed è considerata una delle maggiori isole di richiamo turistico mondiale. Famosa per le sue miniere, l’Isola d’Elba è stata di dominio ligure, greco, etrusco, e romano per molti secoli.
Sia l’egemonia spagnola che quella napoleonica sono ancora visibili grazie alle testimonianze architettoniche e culturali che hanno lasciato sull’isola.

Chi vuol soggiornare nei campeggi dell’Isola d’Elba beneficerà di un clima mite, potrà ammirare la meravigliosa vegetazione mediterranea e avrà la possibilità di scegliere tra coste frastagliate e sabbiose.
Oltre a un fantastico panorama marino e faunistico, l’Elba offre spiagge pulite, natura “selvaggia e incontaminata”, e una serie di attività gestite dai camping dell’Isola.
I villaggi dell’Isola d’Elba, inoltre, mettono a disposizione del turista numerosi confort per rendere piacevole il soggiorno nell’Arcipelago Toscano, conciliando perfettamente l’idea di vacanza “naturalistica” ma anche comoda. I campeggi dell’Isola d’Elba, grazie a una perfetta organizzazione, sono in grado di accogliere e soddisfare ogni tipo di richiesta.

Splendidi fondali da esplorare, itinerari paesaggistici e visite ai piccoli borghi marini sono soltanto alcune delle possibilità che l’Isola d’Elba propone ai suoi turisti. Gli sportivi più avventurosi potranno scegliere attività come escursioni, trekking, scuole di sub, corsi di vela, windsurf, o per i più “spericolati”, l’occasione di affittare una canoa per esplorare gli “angoli nascosti” dell’Isola.
Gli amanti della tranquillità hanno a disposizione campi da golf, minigolf e aree per la pesca, ma anche gite in barca organizzate se non si vuole perdere proprio nulla del panorama dell’Elba.

L’Isola d’Elba è una delle isole che fanno parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, il più grande parco marino d’Europa. Una natura tutta da esplorare, e che non finisce mai di stupire, si potrà ammirare grazie al birdwatching, per scoprire le numerose specie di uccelli più o meno rari, e allo snorkeling, per osservare, nuotando, la flora e fauna marina.

Poco lontano dai villaggi dell’Isola d’Elba possiamo raggiungere comodamente alcune piccole cittadine dell’Arcipelago Toscano.

Portoferraio, principale centro portuale dell’Elba, è uno dei più antichi comuni dell’isola. Spiagge, flora e fauna non solo marina sono le principali attrattive per chi vuole visitare questo piccolo borgo. Per gli amanti dei musei consigliamo il Museo Archeologico Linguella, che ospita alcuni importanti reperti ritrovati nei fondali dell’isola, e contiene anfore, relitti, ancore e attrezzature navali; il Museo della Misericordia, dove troviamo la maschera funebre in bronzo e il calco di una mano di Napoleone; la Pinacoteca Foresiana, un palazzo cinquecentesco dove, al suo interno, possiamo osservare stampe, dipinti e arredi dal XVI al XIX secolo, il Museo napoleonico Villa dei Mulini, e Villa di S. Martino.
Portoferraio è anche la sede del Giardino Botanico dell’Ottone: sorto nei primi anni del ‘900, conserva moltissime piante esotiche, frutto degli esperimenti di adattamento al clima elbano. Per chi volesse soggiornare in questa zona vi segnaliamo il Camping Rosselba Le Palme e il Campeggio La Sorgente.

Capoliveri è nota come Caput Liberum ed è il cuore della regione mineraria elbana. E’ caratterizzata da numerose spiagge e calette e costituisce una delle principali mete turistiche del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.
La cittadina, al suo interno, è costituita da una particolare architettura di forma geometrica, che deriva dalla sua dominazione latina. Il borgo venne fortificato in epoca medievale e ancora oggi possiamo apprezzare le antiche viuzze e stradine caratterizzate da archi, sottopassi e scalette laterali.
A Capoliveri troviamo il Santuario della Madonna delle Grazie, edificato nel XVI sec, dove si conserva, al centro dell’Altare Maggiore, un “olio su tavola” di piccole dimensioni, chiamato della “Madonna del Silenzio”, opera di Venusti. Durante gli ultimi lavori di restauro, l’Altare Maggiore, ripulito dalle stuccature barocche, ha dato luce a un altare in pietra d’epoca medievale, testimonianza di un precedente complesso religioso.
Su una piccola altura sorge la chiesetta della Madonna della Neve, edificata nel XVI secolo, mentre i resti de La Pieve di S. Michele, edificata nel XII secolo, in puro stile romanico-pisano e il Forte di Focardo, costruito dagli spagoli verso la fine del XVII per evitare pericoli di invasione da parte di pirati e dei francesi, si trovano a pochi chilometri di distanza dal centro cittadino.
Nella zona vi indichiamo il Camping Lacona Pineta e il Camping le Calanchiole.
Rio nell’Elba è un piccolo borgo che conserva gelosamente il suo aspetto “medievale” con vicoli stretti, piazzette minuscole e balconi fioriti. Distrutto e ricostruito più volte, Rio nell’Elba rappresenta il cuore minerario dell’Elba.
In fondo al paese si trovano gli unici lavatoi pubblici dell’Elba, scavati nella pietra; inoltre, in passato, il paese era ricco di mulini ad acqua, che servivano per la macina del grano e che fino agli anni Cinquanta erano funzionanti.
Per il turista, segnaliamo il Museo Minerario, costituito da 700 esemplari, il castello di Volterraio, con i suoi resti di epoca pisana dell’XI secolo d. C, la chiesa di SS. Giacomo e Quirico del ‘300, di stile rinascimentale e barocco, il Santuario dedicato a S. Caterina di Alessandria del XVI secolo e l’Orto dei Semplici Elbano, che ospita prevalentemente piante di uso medicinale.

L’isola di Capraia è costituita da un ambiente selvaggio, dominato prevalentemente dalla macchia mediterranea. Le coste sono scoscese a occidente e più dolci a oriente, dove si trova un piccolo lago naturale alimentato dalle piogge. Ricca di scogliere vergini, l’Isola di Capraia comprende un’unica baia sabbiosa chiamata Mortola. Conosciuta da Greci e Romani, il suo nome deriva dalla presenza della capra selvatica che in passato viveva sull’Isola.
L’isola di Capraia, la terza per grandezza dell'Arcipelago, e l’unica isola dell’Arcipelago di origine vulcanica. A ovest, troviamo numerose grotte dove sembra vivano ancora alcuni rari esemplari di foca comune. L’ambiente incontaminato, ricco di flora e fauna ittica, è adatto per la pesca subacquea e per le escursioni naturalistiche alla scoperta dell’Isola “selvaggia. Il paese di Capraia e il Porto sono i due centri abitati dell’Isola.
Per chi volesse utilizzare le aree campeggio dell’isola di Capraia vi indichiamo il Camping Le Sughere.

Meteo Inserisci la tua struttura Area Riservata I Campeggi
più cercati
Facebook TomTom Partners Commerciali

© 2014 Web Agency Torino
Tutti i diritti riservati -
Contattaci - Privacy - Avviso Legale -

Vietata la riproduzione anche parziale